Cos’è il private banking?

È l’insieme di servizi finanziari e consulenziali personalizzati dedicati alla gestione del patrimonio del cliente. Si rivolge a clienti privati  con esigenze patrimoniali complesse ed  in continua evoluzione. Tale attività si avvale di qualificate figure professionali. Anche in Italia , inoltre, da quest'anno sarà possibile scegliere di avvalersi o delle strutture dedicate di banche , assicurazioni o S.I.M. , oppure di LIBERI PROFESSIONISTI pagati direttamente a parcella .

Il Private Banker, oltre ad essere un consulente con competenze in ambito finanziario, assicurativo e previdenziale, suggerisce le migliori soluzioni finalizzate alla valorizzazione del patrimonio esistente ,alla creazione di un patrimonio o alla sua miglior tutela, garantendo ai propri clienti la conservazione del proprio tenore di vita, pianificando la successione e il risparmio fiscale.Dialogando con il cliente, il private banker imparerà a conoscerne esigenze e obiettivi, instaurando con lui un rapporto duraturo e costante.Il Private Banker affianca la sua clientela nelle decisioni importanti, accompagnandola verso il raggiungimento degli obiettivi anche nei momenti difficili ( LIFE CRISIS)

Nel mondo della web-advisory ,che sta declinando la propria offerta sempre più verso il lucroso mercato delle piattaforme di  trading, aumenta in maniera significativa la quota di mercato dei clienti che si avvalgono di un Private Banker  come unico interlocutore di fronte alla sempre più vasta offerta di prodotti e servizi finanziari . I dati rilevati dalla associasioni di categoria, oltre ai sondaggi effettuati dalle maggiori case di investimento, mettono in luce come sia cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi anni in Italia ( nel segmento donne 40 -70 o uomini 35-55 anni) la domanda di un Private Banker Indipendente (pagato a parcella dal cliente), con sorprendente sorpasso da parte dell'utenza femminile; da sempre forse abituata a "delegare" la gestione del denaro a terzi ( pater familiae / marito ) e quindi più " aperta" alla delega .

 

Leggi tutto

Cosa offre l' Indipendent Private Banker ?

L'Indipendent Private Banker, figura professionale ambita nei paesi anglosassoni e negli Stati Uniti , ponendosi di fianco al proprio Cliente lo assiste nella individuazione di tutte le strategie possibili al fine di ottimizzare la gestione complessiva del suo patrimonio e di tutti gli asset che lo compongono : finanziario , immobiliare, preziosi ed opere d'arte, successorio , assicurativo di rischio ed assicurativo finanziario, previdenziale .

Investimenti finanziari

Per valorizzare i frutti di un investimento è possibile affidarsi a tecnici, selezionati dal Private Banker, capaci di ottimizzare il rendimento del patrimonio grazie a una strategia razionale e meticolosa.

Credito, leasing e finanziamenti

Una casa per vivere, un master per i propri figli, capitali per la propria azienda… L’impiego di capitali di terzi può essere la soluzione per importanti progetti. Il Private Banker analizza l'offerta del sistema bancario comparando costi e forme tecniche di affidamento bancario; organizza l'incontro tra il proprio cliente ed i referenti dell'istituto di Credito, seguendo in prima persona lo svluppo della relazione commerciale ed evitando l'applicazione di costi o prodotti "collaterali" costosi e inutili. 

 Consulenza fiscale

Chi è sicuro di non pagare più tasse del dovuto? Il Private Banker pone alla base della propria strategia di investimenti anche l'armonizzazione fiscale tra gli asset nei portafogli del cliente,spesso di natura anche estera o "inquadrate" fiscalmente in maniera diversa ( redditi da capitale , redditi diversi , ecc) attenzionando minuziosamente l'impatto fiscale ed ottimizzando così la perfomance degli investimenti .

 Protezione assicurativa

Proteggersi da accadimenti non desiderati con una copertura adeguata riduce gli effetti dannosi sul patrimonio e garantisce continuità reddituale al nucelo familiare. Il Private Banker aiuta a identificare i rischi a cui il cliente può essere più esposto e a definirne le migliori soluzioni tra le varie proposte dei player assicurativi sia per la protezione della persona, che per la famiglia, la professione e l’azienda.

 Pianificazione previdenziale

È bene progettare con attenzione il proprio futuro, anche in riferimento al periodo post lavorativo. Con il Private Banker si condivide la definizione degli obiettivi in termini di patrimonio atteso e di reddito presunto a fine ciclo età lavorativa, finalizzandoli al mantenimento del proprio tenore di vita durante la terza età.

Pianificazione successoria

Questa fase delicata può essere gestita al meglio per conservare e valorizzare ciò che è stato costruito dalle generazioni precedenti. È importante sviluppare  una pianificazione meticolosa e di lungo periodo, creando strategie e monitorandole tempo per tempo,vagliando le variazioni in ambito normativo patrimoniale e personale.

Consulenza immobiliare
Nella complessità del mercato immobiliare, l’assistenza di un professionista può individuare l’investimento più coerente con gli obiettivi desiderati ed inserirlo in un monitoraggio complessivo di tutti gli asset componenti il patrimonio.

Consulenza finanziaria per la tua azienda

L'Indipendent Private Banker può assistere il proprio cliente imprenditore, nella governance e negli assetti familiari e proprietari dell’azienda, proponendo soluzioni innovative a livello fiscale normativo societario, avvalendosi del contributi di prestigiosi studi legali internazionali

 

Art Banking
Arte e cultura, oltre che una passione personale sono anche un valore da proteggere e valorizzare oltre ad un proficuo investimento.Affidarsi ad un esperto di fiducia per compiere i passi giusti e valutare assieme al proprio Private Banker le opportunità offerte dal mercato.

 

 

I SERVIZI DI PRIVATE BANKING.

In alternativa ai servizi standardizzati offerti dalle istituzioni finanziarie ai clienti retail il private banking offre a ciascun cliente servizi profilati sulle sue esigenze e assolutamente personalizzati

PRINCIPALI SERVIZI OFFERTI :

gestione di patrimoni

gestione di fondi fiduciari

consulenza su investimenti e finanziamenti

consulenza assicurativa

consulenza previdenziale

consulenza immobiliare

consulenza fiscale e legale

consulenza corporate

consulenza artistica

servizi specifici per liberi professionisti

servizi specifici per enti filantropici (es: fondazioni)

Leggi tutto

Posso avere più di un conto corrente, magari uno per l'uso di tutti i giorni ed un altro per gestire i risparmi?

E' possibile ! E lo utilizzi unicamente per gestire gli investimenti,come ad esempio orgnizzare Piani di Accumulo con piccoli addebiti sul conto su base mensile . Oggi ci sono sempre più offerte di conti correnti a costi decisamente contenuti (vedi anche le proposte di Banca Fideuram) che includono il dossier titoli ,dandoti la disponibilità al prelievo sempre e comunque con assoluta libertà utilizzando tutti i mezzi di pagamento ( bancomat , carte di credito, assegni, bonifici e pagamenti di bollettini oltre a f24 ed f23).

Leggi tutto

Ma quanto costa avere un consulente finanziario?

In Italia i consulenti finanziari iscritti all'albo unico dei consulenti finanziari ( WWW.OCF.IT) sono gli unici professionisti abilitati all'offerta di sevizi finanziari fuori sede. Da quest'anno saranno abilitati , con apposita sezione, anche i consulenti FEE ONLY ( ovvero pagati a parcella) definiti AUTONOMI in quanto privi di mandato d'agenzia con banche, assicurazioni o Sim. Sarà predisposta una sezione anche per le società di Consulenza Autonoma, che ovviamente avrà necessità di consulenti abilitati.

Il professionsita abilitato che lavora per Banche , Reti Assciurative , Sim o S.G.R. ha un ritorno commissionale molto articolato. Esso prevede una retrocessione sui prodotti ed anche sui servizi (quelli a pagamento) comprati dai propri clienti. A questo si associano poi punti percentuali legati a contratti di fedeltà ed anche a budget assegnati anno per anno- La remunerazione viene percpita sia quando il cliente sottoscrive un prodotto/servizio fianziario/assicurativo, sia anche per tutto il tempo che il cliente detiene il prodotto/ servizio .

Il costo complessivo sostenuto dal cliente viene " distribuito" tra la società che gestisce il denaro e la Banca  che distribuisce il prodotto attraverso la propria rete di vendita. Per rete di distribuzione tipo si immagina la Banca Capogruppo , la struttura rete sottostante , la struttura interna alla banca rete composta da una pluralità di livelli manageriali. 

Il costo medio di un portafoglio di investimenti sostenuto dal cliente-investirore ( che si aggira sul 3,8% medio annuo ) oltre a tutti gli altri oneri operativi ( costo conto , dossier titoli, operatività titoli...) e fiscali ( imposta di bollo su dossier titoli, tobin tax , capital gain ) dunque retrocede al consulente una commissone tra lo 0,35% e lo 0,75% complessivo . Si consideri ,inoltre, che il consulente non guadagna nulla se il cliente decide di mantenere capitali sul conto corrente o se preferisce acquistare titoli direttamente sui mercati ( come i BTP o titoli Azionari o anche Fondi passivi come ETF ).

I consulenti autonomi , invece, parametrano il loro intervento consulenziale sull'intero patrimonio del cliente . La commissione media richiesta è di circa 1% sul patrimonio con applicazione di un minimo (personalizzabile). Alcuni professionsiti contrattualizzano anche una commissione di over-perfomance ( ovvero una commissione aggiuntiva pari al 20% del maggior guadagno ottenuto con gli investimenti.).  In tal modo, il consulente autonomo valuta liberamente l'utilizzo di strumenti fianziari diretti come titoli di stato, obbligazioni, azioni, o fondi passivi quotati come ETF ecc  piuttosto che fondi comuni di investimento, effettuando su questi ultimi una severa selezione dei migliori e ottimizzando così al meglio il peso commissionale del cliente; gestendo ad esempio  la liquidità dei clienti sul conto come risorsa e non come un peso infruttuoso.

Ambedue i professionsiti indipendentemente dalla categoria a cui appartengono hanno comunque un obbligo nei confronti del proprio cliente , che ripone in Lui i propri risparmi . I più bravi consulenti, anzi, non solo aiutano il cliente a capire meccanismi a volte articolati, a beneficio della loro preparazione, ma dovrebbero tendere ad OTTIMIZZARE il costo di ogni singolo strumento finanziario al fine di migliorare l'efficienza della propria strategia di invesimenti nel suo complesso. Costi e Incidenza Fiscale sulle strategie di investimento sono i cardini su cui un buon consulente finanziario costruisce la propria offerta a beneficio del patrimonio del cliente.

Leggi tutto


Condividi con  

facebook Invia per E-mail stampa Più
Intempra

Seguici su LinkedIn

Seguici su facebook